Ritrovata Xylella fastidiosa nel Monte Argentario

Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, con nota del 12 dicembre, ha reso noto che il Servizio fitosanitario regionale della Toscana, nel corso di un monitoraggio ufficiale, ha rinvenuto nei dintorni dell'abitato di Porto Santo Stefano (comune di Monte Argentario) un focolaio di Xylella fastidiosa.

Dai primi accertamenti è emerso che il batterio ritrovato appartiene alla sottospecie Multiplex, finora mai rinvenuta in Italia ma presente in Francia (Regioni Corsica e PACA) ed in Spagna.

La zona in cui è stata ritrovata la Xylella fastidiosa è, fortunatamente, particolarmente isolata dal resto del territorio italiano per la presenza della laguna di Orbetello che la separa dalla terraferma.

La positività al batterio è stata rilevata su 41 piante arboree ed arbustive, più precisamente 13 ginestre, 11 poligala mirtifolia, 3 mandorli, 2 calicotome, 1 rosmarino, 1 lavanda, 1 cisto, ed 1 eleagno.

Le numerose analisi non hanno mai evidenziato infezioni a carico di piante di Olivo o di Vite.

Per ora non si conosce l'origine dell'infestazione ma, tra le ipotesi più accreditate, vi è quella dell'introduzione nella zona di piante infette o il trasporto di insetti vettori provenienti da località poste al di fuori del territorio italiano.

Data la pericolosità del batterio il Servizio fitosanitario regionale della Toscana ha immediatamente proceduto all'applicazione delle misure fitosanitarie di eradicazione previste dalla normativa nazionale ed europea, inoltre è stata istituita un'area delimitata comprendente la zona dove erano le piante colpite ed una zona cuscinetto circostante di 5 km in cui verrà svolto un monitoraggio costante per escludere la presenza di ulteriori piante infette che, se ritrovate, saranno rimosse insieme a tutte le piante con sintomi sospetti entro un raggio di 100 metri.

i nostri corsi di aggiornamento

Viaggiare costituisce un ottimo modo di formarsi e aprire la mente. Ecco alcune delle ultime tappe

  • Una proposta per il 2019: la Georgia

    Una proposta per il 2019: la Georgia

    La proposta per il XVIII° Corso di tecnica vivaistica viticola è la Georgia, terra di antichissima viticoltura che ha la vite nella propria storia e nel proprio DNA.

    Scopri il viaggio

  • Una proposta per il 2018: il Sud Africa

    Una proposta per il 2018: il Sud Africa

    Nel Consiglio Direttivo del 13 gennaio verrà discussa la proposta di visitare, nel prossimo Viaggio di Studio, il Sud Africa, una terra dalla viticoltura giovane nata a seguito dell'immigrazioni francesi ed olandesi all'inizio del 1700

    Scopri il viaggio

  • Grecia 2015

    Grecia 2015

    Nell'Europa sud orientale la viticoltura non ha conosciuto, negli ultimi cinquant'anni, lo stesso sviluppo che hanno avuto Francia, Italia, Spagna e le nazioni viticole del Nuovo Mondo. Eppure qualcosa negli ultimi anni comincia a muoversi anche in questa parte d'Europa.

    Scopri il viaggio

  • Crimea 2012

    Crimea 2012

    I russi hanno iniziato a produrre il vino su scala industriale all’epoca di Pietro il Grande. Tuttavia, la produzione di vino locale ha raggiunto il suo picco soltanto alla fine del XIX secolo: fu allora infatti che nacquero le celebri aziende vinicole Abrau-Dyurso, Massandra e Novy Svet. In epoca sovietica, questi viticultori ed enologi rimasero tra i preferiti dalle autorità.

    Scopri il viaggio

  • Spagna 2011

    Spagna 2011

    Nel corso degli anni '80 la Spagna ha avuto un risveglio prepotente in tutti i settori della sua economia, ma è negli anni '90 che è letteralmente esplosa. Il vino ha seguito un po' questa sorte, negli anni '90 è ridiventato uno dei grandi vini nel mondo imponendosi anche a prezzi elevati nel nome della qualità.

    Scopri il viaggio

Servizi per i soci

Da quest'area puoi accedere ai servizi interattivi del sito. Scoprili tutti!

Iscriviti

Non sei stato ancora abilitato?
Inviaci la richiesta in un minuto!
E' facilissimo!

Scarica

Accedi alla libreria on-line
in cui sono presenti tutte le
pubblicazioni aggiornate.

Archivio

Cerchi una news vecchia?
Apri subito l'archivio MIVA
Usa il menù temporale o la funzione di ricerca